Torta di cachi mela

Adoro i kaki (o diosperi) e mi sono sempre meravigliata del fatto che fossero dei frutti (che di solito non mangio con tanto piacere), sembra piuttosto che una gustosa marmellata sia stata racchiusa quasi per scherzo in quella buccia sottile e arancione. Inoltre il kako porta l’autunno, una delle mie stagioni preferite, con il freddo frizzante che odora già d’inverno e le foglie gialle che tappezzano le strade.

Proprio per questi motivi mi ha fatto molto piacere scoprire una ricetta sul blog di Jul’s Kitchen: una torta di cachi mela leggera e dal sapore particolare che gli viene conferito dall’uso della farina di farro e dello zucchero moscovado.

Allora bando alle ciance, ecco la ricetta!

Ingredienti

  • 3 uova
  • 200 g di zucchero di canna moscovado
  • 200 g di yogurt greco intero
  • 1 cucchiaino di essenza di vaniglia biologica
  • 200 g di farina di farro integrale biologica
  • 10 g di lievito
  • 1 kako

Procedimento

Preriscaldare il forno a 180°.

Unire i tuorli allo zucchero moscovado e mettere gli albumi da parte, sbattere insieme i due ingredienti finché lo zucchero non si sarà quasi del tutto sciolto formando una crema densa.

Aggiungere lo yogurt e l’essenza di vaniglia continuando a sbattere con le fruste finché non si amalgamano completamente.

Setacciare nella ciotola la farina e il lievito e mescolare il composto quel tanto che ci vuole per incorporare la farina.

In un’altra ciotola, con la frusta pulita e asciutta, sbattere a neve ferma gli albumi tenuti da parte e unire poi all’altro composto mescolando delicatamente dal basso verso l’alto.

Sbucciare il kako e tagliare a pezzetti irregolari.

Imburrare una teglia da 24cm e versare il composto cospargendola poi con i kaki sulla superficie, cospargere poi sopra un cucchiaio di zucchero di canna.

Infornare per circa 30 minuti e quando la torta ha formato una crosticina all’esterno ed è asciutta all’interno (fare la prova con un bastoncino) togliere dal forno e lasciare raffreddare su una gratella.

scelta

Io ho lasciato la torta così com’è, ma se volete aggiungere un pizzico di dolce in più Giulia consiglia di cospargerla con un po’ di zucchero a velo!

Buon appetito!

scelta3

 

“Hello world” e torta al cioccolato senza glutine!

Ciao a tutti, mi chiamo Caterina  e frequento il Liceo delle Scienze Umane a Firenze. Finalmente mi sono decisa a creare un blog dopo anni di rimuginamenti! Cucino da quando ero veramente minuscola, tanto che mi ricordo ancora di quanto fosse problematico per me non poter usare i fornelli, e che mi ritrovavo a scaldare cioccolata, con i pentolini giocattolo, sul termosifone.

Alla fine comunque mi sono convinta che questo blog mi avrebbe aiutata a fare quel passo avanti di cui avevo bisogno. Pubblicare ricette, esperimenti, pensieri, non più solo con la mia famiglia (che fra l’altro credo non ne possa più di sentirmi parlare di cibo 24 ore su 24), ma con tutto il popolo di internet, mi aiuterà anche a rendermi conto dei progressi che faccio e a migliorarmi in questo campo.

L’unico problema sono le foto, non sono mai stata un asso nel farle, soprattutto al cibo, visto che so benissimo che anche il cupcake più bello, preso dall’angolazione sbagliata, risulterà mediocre (e quindi anche meno appetibile), ma spero di riuscire a migliorare anche in questo col tempo.IMGP0162

La prima ricetta che pubblico è una ricetta di un cuoco che ho scoperto da poco grazie al “Food Tube” di Jamie Oliver: Donal Skehan.

Qualche giorno fa, guardando i suoi video, sono incappata in un incredibile torta al cioccolato senza glutine, di quelle che dopo che le hai viste fare avresti voglia di andare in cucina e metterti subito all’opera. Ovviamente non avevo tutti gli ingredienti, quindi, visto che oggi arrivavano i miei cuginetti dall’Inghilterra ho fatto una spesa preventiva e l’ho cucinata per loro.

Qui sotto vi posto il link della ricetta e la traduzione in Italiano, buon appetito!

http://www.donalskehan.com/2014/04/dark-chocolate-hazelnut-mud-pie/

Ingredienti per 8 persone

225g di cioccolato fondente al 70%, tagliato finemente

125g di burro tagliato a cubetti

175g di zucchero

1 chucchiaino di estratto di vaniglia

100g di mandorle tritate (o farina di mandorle)

6 uova grandi, separate

Per la glassa al cioccolato

100g di cioccolato fondente di buona qualità

30g di burro

50g di zucchero a velo setacciato

75ml di panna da cucina (io ho usato la panna liquida leggermente montata)

75g di mandorle tostate e tagliate grossolanamente

Scaldare il forno a 180° e foderare con carta da forno una teglia da 20cm di diametro. Per la torta, scogliere a bagnomaria il cioccolato e il burro. Togliere dal fuoco e unire lo zucchero, l’estratto di vaniglia e la farina di mandorle mescolando con una spatola. Aggiungere i tuorli d’uovo uno alla volta mescolando a ogni aggiunta finché il composto non sarà omogeneo. Montare a parte le chiare d’uovo a neve ferma. Unisci poi le chiare al composto mescolando lentamente dal basso verso l’alto.

Versare il composto nella teglia e cuocere nel forno per 35 minuti, finché non sarà sodo ma leggermente traballante, con l’interno umido. Far raffreddare la torta prima di coprirla con la glassa.

Per la glassa, sciogliere il cioccolato e il burro a bagnomaria. Togliere dal fuoco e aggiungere lo zucchero a velo e la panna mescolando finché tutti gli ingredienti non saranno amalgamati. Versare sopra la torta facendola colare ai lati e spolverare la superficie con le mandorle tritate.

IMGP0167