Burger Vegan: tre deliziose ricette!

Ho da poco scritto un post su Instagram riguardo alla mia decisione di ridurre in modo radicale il consumo di carne e derivati animali che provengono dalla grande distribuzione (e quindi di conseguenza la maggior parte delle volte da allevamenti e produzioni intensive).

Non sono totalmente contraria al consumo di questi alimenti, la mia idea è che sia giusto mangiare un po’ di tutto, e sia soprattutto salutare ricevere i nutrienti che ci vengono forniti da carne e prodotti animali, ma credo anche fermamente che ciò che non è affatto giusto sia che gli animali subiscano dei soprusi agghiaccianti, che ci siano produzioni che partecipano all’inquinamento ambientale in modo così consistente e che le aziende non siano trasparenti e ci facciano credere di star comprando dei prodotti, quando ne stiamo comprando degli altri.

In sintesi, penso che, se vogliamo continuare a mangiare carne e derivati animali, dobbiamo rivolgerci a prodotti a chilometro zero, di produttori locali, certificati e trasparenti ed evitare il più possibile, e se è possibile eliminare totalmente, il consumo di prodotti di cui non si conosce la provenienza o che sappiamo con certezza essere prodotti che arrivano da allevamenti intensivi.

Di recente mi hanno chiesto: come facciamo a sapere che sono prodotti di allevamenti intensivi? Beh avete presente i supermercati? Ecco diciamo che la maggior parte dei prodotti (soprattutto questa categoria di prodotti) presenti nei supermercati, provengono da produzioni intensive. Più nello specifico? Sicuramente i prodotti che pagate poco.

Ovviamente ci sono delle eccezioni e spesso queste sono certificate e le certificazioni sono presenti sul packaging del prodotto. Ma attenzione non parlo di scritte come ‘packaging sostenibile’, ‘eco-friendly’, ‘organic’, ‘bio’, ‘allevato con amore’, ‘di fattoria’, ‘100% naturale’ ecc. che poi non presentino nessun marchio di certificazione, questo si chiama Greenwashing ed è uno dei motivi per cui dobbiamo comprare in modo consapevole, leggere le etichette e informarci sulle aziende che producono gli alimenti che consumiamo regolarmente.

Comincio qui una conversazione che va al passo con mie continue riflessioni e studi, e quindi con una formazione progressiva, in cui io stessa ammetto in primis di non sapere tutto e non essere perfetta. Ho lanciato ora vari argomenti che possono e dovrebbero essere approfonditi molto di più e molto meglio e vi invito a farlo per cominciare una conoscenza più genuina e consapevole del vostro consumo.

Sicuramente una cosa che ho capito da questo mio tentativo (che per ora sta avendo successo), è che per essere vegani (anche se non totalmente), bisogna essere organizzati. Per questo ho deciso di fare un po’ di meal-prep, cioè preparare in anticipo un po’ di hamburger vegani (verdure + proteine vegetali), da conservare in congelatore e scaldare durante la mia settimana.

Qui vi propongo tre tipi di hamburger davvero buonissimi e leggeri. La prima ricetta l’ho ideata io, la seconda l’ho presa dal sito vegolosi.it (che si è per ora sempre rivelato ottimo) e la terza da Carlotta di Cucina Botanica.

Hamburger di patate e broccolo romanesco

Ingredienti

  • 3 patate piccole
  • 1 broccolo
  • 1/2 cipolla saltata
  • pangrattato q.b.
  • sale e pepe

Sbucciare le patate, metterle in una pentola e coprire con acqua fredda. Lasciate bollire per 20-40 min (dipende dalla grandezza delle patate) finché non saranno morbide.
Bollire in acqua bollente il broccolo che avremo pulito in precedenza.

Con uno schiacciapatate andate a schiacciare sia le patate che il broccolo in una ciotola grande, unire quindi la cipolla, sale, pepe e il pangrattato finché non si ottiene una consistenza adatta a formare degli hamburger. Spennellare la superfice di questi con dell’olio.

N.B. più pan grattato di aggiungerà meno saranno morbidi

Infornare a 180°C per 20-30 min o finché non saranno dorati in superficie. Girare a metà cottura.

Hamburger di tofu e verdure

Ingredienti

  • 1 panetto di tofu morbido
  • 1 piccola cipolla tritata
  • 1 carota grattugiata
  • 2 zucchine grattugiate
  • prezzemolo
  • pangrattato q.b.

Mettere un po’ di olio in una padella e far soffriggere la cipolla.

Aggiungere poi le verdure, salare e cuocere fino a farle asciugare.

Aggiungere il tofu sbriciolato e fare saltare ancora.

Trasferire 1/3 del contenuto della padella in una ciotola e passarlo con il frullatore a immersione, in modo che venga una ‘pasta’, aggiungere poi il resto del contenuto della padella e mescolare tutto salando a piacimento.

Mescolare poi un po’ di pangrattato in modo da raggiungere un impasto modellabile e creare gli hamburger. Spennellare la superfice di questi con dell’olio.

Infornare a 180°C per 10-15 min, finché non saranno dorati. Girare a metà cottura.

Hamburger di fagioli cannellini e barbabietola rossa

Ingredienti

  • 280g di fagioli cannellini
  • una piccola barbabietola bollita
  • 80g di zucchina grattugiata
  • 1/2 cipolla saltata
  • Pangrattato q.b
  • sale e pepe

Mettere tutti gli ingredienti nel frullatore o minipimer e frullare tutto, aggiungere poi del pangrattato finché non si raggiungerà una consistenza adatta ad essere modellata.

Modellare gli hamburger, che saranno un po’ morbidi, e spennellarli con dell’olio.

Infornare a 220°C per 20 min e girare a metà cottura.

Svezia: dove mangiare a Göteborg, consigli per tutte le tasche

Oltre il pontile i gabbiani volavano in cerchio, lanciando di tanto in tanto uno stridio acuto. Ma per il resto c’era solo questo incredibile silenzio, che sembrava di sentir frusciare nelle orecchie. Sul mare c’era un leggero velo di pioggia e tutto era bello, di una malinconica bellezza.
Vacanze all’Isola dei Gabbiani, Astrid Lindgren

In modo molto strano e credo diverso da molti bambini, il primo posto dove ho desiderato andare è stata la Svezia. Da piccola leggevo molto e la mia autrice preferita, di cui ho divorato tantissimi libri, era Astrid Lidgren, autrice di Pippi Calzelunghe e altri libri per bambini. Le sue storie mi facevano viaggiare tra i paesaggi e i cibi nordici e mi avvicinavano in modo inaspettato a una cultura e dei luoghi molto lontani. 

Gran parte del legame tra me e la Svezia si è creato proprio per il modo della Lindgren di raccontare il cibo e i momenti conviviali e non mi scorderò mai la prima volta che ho sentito parlare delle caramelle mou in “Rasmus e il vagabondo” e dell’ossessione che ne è conseguita per trovare proprio quelle, nei successivi anni.

La Svezia per me era quindi un viaggio speciale da fare e quando già ogni viaggio è un regalo che siamo fortunati a poterci concedere, questo viaggio per me aveva anche qualcosa di magico che mi riportava alla mia infanzia, per questo e per molti altri motivi sono stata contenta di andarci con Bernardo, il mio ragazzo, che ha sopportato pazientemente i miei capricci gastronomici. 

In particolare, la città che abbiamo visitato è Göteborg, seconda città più grande della Svezia che si trova al sud di questa. La nostra idea era di stare qualche giorno e visitare anche le isole dell’arcipelago Skärgården che sono proprio lì davanti.

Il periodo era totalmente fuori stagione (ottobre), perché non essendoci il bel tempo estivo o le attrazioni natalizie del periodo invernale, quello che ci aspettava era più che altro un pieno clima autunnale condito da piogge frequenti. 

Ma quello che in realtà ci spaventava di più era il costo della vita, ed è stato infatti molto difficile mangiare fuori tutte le volte, cercando trovare posti buoni e spendere allo stesso tempo il meno possibile. 

Dove abbiamo mangiato

Kanelbullar

Il Kanelbullar è un dolce svedese da colazione o pausa caffè (chiamata fika dagli svedesi) che consiste in un impasto lievitato cosparso di burro fuso, zucchero e un mix di spezie (tra cui la cannella) che viene arrotolato, tagliato a rondelle e poi cosparso di zuccherini.

  • Café Husaren: il primo posto dove abbiao assaggiato i Kanelbullar è questo caffè nel quartiere di Haga, il quartiere antico della città, molto indicato per l’ora della merenda. Conoscevo il posto perché avevo visto che era consigliato da alcuni profili instagram che si occupavano di cibo in Svezia e sapevo che era famoso per avere una versione molto grande dei Kanelbullar. L’interno del locale non ci ha colpiti particolarmente e devo ammettere che anche la brioche, che era fredda e forse lì dalla mattina, non ci ha entusiasmati. Diciamo che, a posteriori, direi che era più bella da vedere che da mangiare. In più, oltre ad essere molto alto il costo del dolce, costava anche il refil del caffè (cosa inusuale per un paese nordico).
    cafehusaren.se Voto: 6 Spesa: 8€
Kanelbullar del Café Husaren
  • Chiosco, molo dei traghetti, Saltholmen: so che non è propriamente un locale, ma questo chiosco (kiosk) ci ha regalato il miglior Kanelbullar che abbiamo mangiato nella vacanza. Il molo è quello che bisogna raggiungere per andare sulle isole, quindi la probabilità di passarci è alta. Vi consiglio di prendere un dolcino e un caffè mentre aspettate il traghetto, oppure portarvelo sull’isola e far colazione immersi nella loro atmosfera caratteristica.
    Voto: 10 Spesa: 3.50€ (circa)

Pranzo e cena

Per pranzo e cena abbiamo riscontrato non poche difficoltà a trovare qualcosa che costasse meno di un prezzo medio di 10 euro. Ci avevano parlato di chioschetti di hot dog, ma noi ne abbiamo visto forse uno e pure decentrato, per il resto la soluzione per un pasto più economico era quasi solo il supermercato. Ma sicuramente ci sarà qualcosa che ci è sfuggito…

  • Saluhallen: questo mercato al copertoè il posto che ci è piaciuto di più: abbiamo mangiato tipico e a un prezzo abbordabile. Nel mercato c’erano banco alimentari, come macellerie e pescivendoli, ma anche, appunto, banchi che facevano pranzo con cibo tipico oppure torte e caffè. Qui abbiamo mangiato le classiche polpette svedesi con salsa alla panna, patate, piselli e salsa Lingonberry (una sorta di marmellata di mirtilli rossi) e un hamburger di pesce con insalata, purè, salsa Lingon e salsa tartara. Siamo inoltre riusciti a bere un espresso decente e abbiamo assaggiato una torta tipica la Chokoladtosca, una torta al cocco e cioccolato.
    https://www.storasaluhallen.se Voto: 8 Spesa: 8-10€ (per ogni piatto unico)
  • Sjöbaren: ristorante di pesce molto costoso, ci era stato consigliato prima della nostra partenza e alla fine, anche se un po’ spaventati dal prezzo, abbiamo deciso di provarlo. Il ristorante è all’interno molto curato e accogliente, lo stile è a tema marino, elegante e minimale. Abbiamo apprezzato molto il cibo, abbiamo ordinato il “Seafood platter”, che comprendeva un misto di crostacei sbollentati o crudi, salse e un pezzo di torta salata al formaggio. Per concludere, il Cheesecake svedese, anche questo molto buono e decisamente diverso da qualunque dolce avessi mangiato finora. Il ristorante ha una vasta scelta di piatti sia di pesce che non e soprattutto un assortimento di piatti tipici (cosa non scontata).
    http://www.sjobaren.se/haga/ Voto: 8.5 Spesa: 70€ (a testa, con bottiglia di vino inclusa)
  • Silvis (risorante palestinese): uno dei pasti che abbiamo amato di più. Colti dalla pioggia e dalla fame ci siamo infilati, molto casualmente in questo ristorante palstinese molto carino. Il menù era composto da tante meze e c’era la possibilità di scegliere tra la lista delle numerose meze oppure ordinare il menù composto da loro. Noi abbiamo preso il menù Aladdin (24 euro), molto sostanzioso.
    Non contenti alla fine abbiamo preso un dolce e io ho assaggiato finalmente il Knafeh ripieno di formaggio (che loro chiamano mozzarella, ma non saprei). Davvero delizioso!
    http://www.silvis.nu Voto: 9 Spesa: 20-30€ (a persona)

La Svezia ci ha regalato quindi molte gioie in fatto di cibo, e anche se il nostro portafoglio piange, siamo rimasti molto soddisfatti delle nostre scelte gastronomiche. Spero che questo articolo possa essere utile ad altri viaggiatori che amano assaggiare nuovi sapori. Sono disponibile per approfondimenti sul nostro viaggio ma anche per ricevere informazioni riguardanti la Svezia, che magari mi possono essere sfuggite!

Siti che ho trovato utili:
https://www.goteborg.com
https://www.travel365.it/goteborg-cosa-mangiare.htm
https://www.italian.hostelworld.com/blog/la-migliore-guida-per-backpacker-alla-vita-sociale-di-goeteborg

My first time: Profiteroles!

Finalmente pubblico questo articolo che ho scritto mesi e mesi fa, mettendolo insieme con fatica, spero che vi piaccia! (scusate per la qualità delle foto e anzi ringrazio le mie amiche per averle fatte, se non ci fossero state loro probabilmente nemmeno ci sarebbero)

Una delle cose che tendo a fare nella vita è mettermi continuamente in gioco, mettere in discussione me stessa proponendomi cose che non credo mi possano riuscire, cose che mi fanno paura ma so che mi farebbero crescere. Non che io lo faccia tipo ripetizione di mantra da corso di life coaching, della serie “Supera i tuoi limiti”, è una cosa che, mi sono resa conto, faccio in modo abbastanza naturale. E, non fraintendetemi, a volte fallisco eh, molto spesso anche, e questo mi demoralizza come demoralizzerebbe chiunque. Ma in fondo anche attraverso il fallimento ci mettiamo in discussione: saliamo su un palco e rimaniamo inermi, riusciamo giusto a dire qualche parola in modo imbarazzante e ci ripromettiamo di non farlo mai più, ma poi magari dopo qualche mese, qualche anno, siamo di nuovo là sopra e se questo porterà a un fallimento o a una vittoria poco importa, ci siamo rialzati e siamo lì con una forza nuova. 

Ovviamente non è detto che uno debba sempre, costantemente sbattere la testa sulla stessa cosa, a volte i fallimenti servono anche per rendersi conto che ciò che facevamo non era forse la nostra strada, forse dobbiamo dirigerci altrove per trovare ciò per cui siamo portati, o per cui siamo comunque disposti a fare tanti sacrifici quanti ne servono. 

Questo non lo applico solo alle mie abilità, lo applico un po’ a tutto in generale nella vita, e penso sia qualcosa che si è rafforzato nell’ultimo anno. Trovarsi soli, in una nuova città, con amici più o meno vicini, che però in questi casi non bastano a colmare tutto il senso di solitudine e instabilità. Questo è qualcosa che mi ha permesso di capire fino in fondo l’importanza di rischiare, di andare sempre un po’ oltre il confine della mia comfort zone, senza rimanere statica e annoiata, ma viva, consapevole di me e consapevole ogni volta che, sì, anche questo lo posso fare. 

Ora parliamo di bignè, cosa che, per me, ha tutto a che vedere con l’abbattere i propri limiti.

I bignè sono quella ricetta che ho sempre voluto eseguire avendo sempre un po’ paura. Nel contempo guardavo quei sacchetti di bignè già pronti al supermercato e mi ripromettevo che non li avrei comprati mai. Diciamo che era solo questione di tempo, prima o poi sarei dovuta arrivarci.

Ottimista grazie ai miei recenti successi culinari, anche dovuti a quel meraviglioso libro che è “Il Grande Manuale del Pasticciere” di Mélanie Dupuis, ho deciso finalmente di farli seguendo la sua ricetta.

L’idea era di fare un grande Profiteroles composto da piccoli bignè per una merenda con le mie amiche, che tra l’altro ringrazio per l’aiuto che mi hanno dato nella fase finale di composizione. 

Ricetta Bignè

Ingredienti (per 850g di pasta, circa un’ottantina di piccoli bignè)

  • 250 g di acqua
  • 250 g di latte
  • 225 g di burro
  • 3 g di sale
  • 3 g di zucchero
  • 275 g di farina
  • 500 g di uova (circa 10)

N.B. La quantità di uova è fondamentale, il peso di queste deve essere uguale a quello di acqua + latte, se è di più, sbattetele e togliete la parte in eccesso (conservatela e usatela in altro modo)

Scalda il forno a 230°C. Metti in una pentola il latte, l’acqua, il sale, lo zucchero e il burro. Porta a ebollizione facendo scogliere bene il burro.

Quando il composto comincia a montare (a fare cioè la classica schiumina che fa il latte scaldandosi), togli dal fuoco, versa tutta la farina in una volta e mescola con la spatola. Questo primo composto si chiama panade.

Quando la panade è omogenea rimetti la pentola sul fuoco senza mescolare e aspetta che l’impasto cominci a sfrigolare, a questo punto muovi la pastella per controllare se sul fondo si è formata una pellicola. Se c’è, allora puoi spengere perché l’impasto è sufficientemente asciutto.

Togli quindi dal fuoco e mescola finché non sarà evaporata la maggior parte della condensa. Quando cominciate ad aggiungere le uova l’impasto non dovrà essere però completamente raffreddato. Aggiungi quindi un uovo e mescola finché non è completamente incorporato (si può fare sia a mano che con la planetaria con gancio a foglia). Procedi allo stesso modo con tutte le uova. L’impasto dovrà risultare della consistenza della crema pasticciera.

(Può essere usato subito o conservato in frigorifero per 3 giorni)

Scalda il forno a 230°C.

Fodera una teglia di carta da forno (io ho fatto i bignè con forno ventilato e ho infornato due placche alla volta). Riempi quindi una sac à poche (bocchetta liscia, tonda n. 10) con l’impasto, aiutandoti con una spatola (per riuscire meglio possiamo infilare la sac a poche in un contenitore alto in modo che stia ferma). Comincia a fare i bignè in modo ordinato tenendo la sac a poche perpendicolare alla piastra, formando cerchi di 3 cm circa. Abbassa poi la puntina che rimane su ogni tondino con un dito bagnato.

Riduci la temperatura a 170°C e inforna.

Dopo 20 minuti aprite il forno per qualche secondo per far uscire il vapore e poi lasciate cuocere ancora per 10-20 minuti. I bignè dovranno apparire dorati uniformemente.

Ricetta Profiteroles

ingredienti x 15 porzioni

  • Bignè fatti in precedenza

Per la salsa al cioccolato (350g)

  • 150 g di acqua
  • 50 g di zucchero
  • 15 g di cacao amaro
  • 130 g di cioccolato fondente

Per farcire

  • 500 g di panna liquida (o crema pasticciera se preferite)
  • 80 g di zucchero a velo
  • 1 baccello di vaniglia

Per fare la salsa metti acqua e zucchero in un pentolino, porta a ebollizione, aggiungi cacao e lavora con la frusta. Aggiungi cioccolato e cuoci per 2 minuti mescolando con una spatola.

Metti panna, zucchero a velo e i semi del baccello di vaniglia all’interno di una ciotola e monta il tutto, con fruste elettriche o planetaria.

Riempi una sac a poche con la panna e farcisci ogni bignè facendo prima un buchino con il manico di un cucchiaino in fondo a ognuno per far entrare meglio la bocchetta.

Farciti i bignè possono essere posizionati a forma di piramide su un vassoio/piatto da portata e cosparsi con la salsa al cioccolato.

Viaggio a Napoli, qualche consiglio su dove mangiare

Follow my blog with Bloglovin

Ci sono un sacco di posti buoni a Napoli, prima di partire io e le mie amiche eravamo già piene di informazioni su posti dove mangiare la pizza migliore, la sfoglia migliore, il cuoppo migliore e così via.

Diciamo poi che la compagnia era quella giusta, tutte delle grandi mangiatrici, non ci siamo fermate davanti a nessuna difficoltà: code di un’ora, tabelle di marcia fitte di cose da vedere, pioggia e treni da prendere.

Tutto questo per dire che se non vi fidate di me, fidatevi delle mie amiche, delle numerose fonti che abbiamo contattato (sia locali che turisti come noi) e soprattutto della nostra esperienza diretta, sempre piacevole, non solo per il cibo delizioso, ma anche per l’atmosfera e le persone incredibili che abbiamo incontrato.

E che dire, niente di più da aggiungere, con il cuore pieno di ricotta finalmente vi espongo il nostro tour culinario napoletano sperando che possa essere utile anche a voi!

Dove abbiamo mangiato?

Colazione

una sfogliatella riccia e quattro sfogliatelle frolle
  • Gran Caffè Neapolis: era il bar convenzionato con il nostro appartamento, ma mi sento di consigliarlo perché ci è piaciuto molto ed è stato anche il posto dove abbiamo preso il caffè più buono. Servizio un po’ lento, ma almeno hanno i tavolini fuori. Pagina Facebook Voto: 8
  • Leopoldo: aspetto magnifico, la miglior caprese al limone, ma i babà non ai livelli di Scaturchio. Se vi sedete c’è un sovrapprezzo (che noi non abbiamo avuto il coraggio di pagare). http://www.leopoldoinfante.it Voto: 8
caprese al limone, babà ripieno di panna, zeppolina alla crema e crostatina di fragole
  • Scaturchio: un unico grido si alza: BABA’ TI AMO. Ragazzi andate a Napoli e mangiate il babà, ci siamo tutte convertite a questa deliziosa spugna intrisa di sciroppo e rum e quello che abbiamo preferito è decisamente quello di Scaturchio. Questo dolce non mi è mai piaciuto, il sapore alcolico era veramente troppo per me, ma probabilmente non lo avevo mai mangiato fatto come si deve. Quello napoletano è perfettamente equilibrato. Una cosa che non ci ha fatto impazzire di questa pasticceria invece è stata la caprese, abbiamo preso sia quella al cioccolato che quella al limone e ci è sembrata un po’ troppo secca, c’è da dire però che si sentiva molto la mandorla. scaturchio.it Voto: 9

Pranzo e Cena

  • Tandem d’asporto: questo è stato decisamente uno dei posti che ho amato di più, street food/comfort food, famoso per i suoi ‘cuzzetielli’, panini ripieni di ragù napoletano e salsiccia, polpette, parmigiana, braciola e chi più ne a più ne metta. C’erano inoltre anche primi e la possibilità di prendere solo ragù per fare scarpetta. Non vi sto nemmeno a dire quanta soddisfazione in questo nostro primo pasto napoletano. https://www.tandem.napoli.it/tandem-dasporto/ Voto: 9 Quanto ho speso? 6 €
  • Pizzeria Capasso: prima pizzeria del viaggio, posto che non ci ha soddisfatte pienamente. La pizza era buona, ma a mio parere non troppo saporita, le crocché anche quelle nella media (grave assenza della provola filante). Non la sconsiglierei, ma diciamo che non sarebbe la mia prima scelta se tornassi.Pagina Facebook della Pizzeria Voto: 7 Quanto ho speso? 8 €
  • Antica Pizzeria de’ figliole: eravamo a Forcella con un certo languirono e ci troviamo davanti a questa pizzeria, a Emma avevano detto che faceva la migliore pizza di Napoli, e allora che si fa, non ci si ferma? Detto fatto siamo subito entrate per prendere un’enorme pizza da dividere (perché quello era solo uno spuntino…). Bella e deliziosa, grande come una faccia, ripiena di pomodoro e provola. Pagina Facebook della pizzeria Voto: 9 Quanto ho speso? 5 €
  • Fiorenzano: qui è quando ci siamo rese conto che non saremmo uscite vive da questa vacanza. Fiorenzano dà sulla strada e offre fritti, polli arrosto con patate e delle bombe distruttive di cui non ricordo il nome: pasta lievitata farcita con carne, uovo sodo e provola (molto buono ma seriamente tosto). Qui finalmente ho trovato la tanto desiderata crocchè con la provola filante, davvero buona. Pazzesca anche la frittatina di pasta. La Bene ha preso il pollo e, vi dico, la soddisfazione è assicurata. Voto: 8 Quanto ho speso? onestamente non ricordo, ma seriamente poco
  • Augustus: se siete nel centro di Napoli e vi chiedete dove comprare la mozzarella (non sottovalutate questa ricerca, se non è difficile da trovare allora probabile che non sia buona…) questo è il posto che, dopo attente ricerche, abbiamo scelto. In Campania la mozzarella è una cosa seria e di solito le famiglie vanno nei caseifici fuori città a comprarla, per questo, nonostante ti vendano mozzarella dappertutto, trovare un posto fidato è importante. Ho cercato su internet e la maggior parte dei posti era lontano e difficilmente raggiungibile, Augustus invece è in via Toledo, molto centrale, quindi, se non avete i mezzi per uscire da Napoli, vi consiglio di andare lì. Noi l’abbiamo comprata per la nostra unica cena a casa, con qualche verdura e molta parmigiana (ma mai abbastanza…). Pagina Facebook Voto: 8 Quanto ho speso? 11€ (per la mozzarella)
  • Puok: molto amato da napoletani e non (ce l’hanno consigliato davvero tutti), Puok fa hamburger ripieni di ogni bendiddio, un comfort food ripieno di comfort food, decisamente indescrivibile. Noi abbiamo preso: 1. hamburger con provola affumicata, crema di zucchine al forno, zucchine fritte e crema di parmigiano 2. hamburger provola affumicata, patate al forno e parmigiana bianca 3. hamburger con provola affumicata, bacon croccante, cipolla rossa caramellata, anellone di cipolla, maionese, salsa bbq. Mi viene fame solo a ripensarci. https://puokburger.com/hai-fame Voto: 9 Quanto ho speso? 8€
  • Antica Trattoria da Carmine: questo è un posto che ci portiamo proprio nel cuore, la dimostrazione che un buon ristorante è fatto di buon cibo, ma anche di simpatia. L’attesa è stata lunga (un’oretta e forse anche di più), pioveva, e io stavo cercando di digerire l’hamburger che avevamo mangiato tipo alle 16, eppure Carmine l’abbiamo proprio amato e ci saremmo tornate ancora e ancora. Mi sembra importante dire che è veramente il posto più economico dove sia mai stata nella mia vita… Pagina Facebook della Trattoria Voto: 9 1/2 Quanto ho speso? 10€
  • I Sapori della Pescheria Azzurra: Passateci, fate la coda, ne vale davvero la pena. Ristorante della Pescheria Azzurra di Montesanto, tavoli sulla strada e un’atmosfera davvero verace, attesa lunga ma pesce freschissimo. La lista dei piatti è un elenco di cose una più deliziosa dell’altra che buona parte dell’attesa, vi assicuro, la passate a pensarci e ripensarci mille volte. Inutile dirvi che anche qui, per essere stato un pranzo di pesce, non abbiamo speso davvero niente. isaporidellapescheriaazzurra.it Voto: 10 Quanto ho speso? 12€ (a testa, facendo alla romana)
  • Antica Pizzeria & Trattoria al ’22: forse sarà perché ci siamo affezionate alla zona (Montesanto) o perché semplicemente la pizza era davvero molto buona, però ecco, se volete provare un’altra Pizzeria che non sia una di quelle più famose (Michele, Vesi, Sorbillo ecc.) questa è decisamente approvata e se non vi fidate di noi, ci abbiamo portato anche un napoletano, approvata pure da lui. Pizza alta, non grandissima rispetto alla media di Napoli, buona, come ho già detto e se chiamate potete mettervi in lista e non aspetterete troppo (anche in questo caso, per la media di Napoli). http://www.al22pizzeria.it Voto: 9 Quanto ho speso? 10€
  • Il Cuoppo – Friggitori napoletani: Partiamo dal presupposto che noi dovevamo partire, che eravamo piene di valige, che la pioggia che ci aveva graziate fino a quel momento ha cominciato inesorabilmente a cadere e che l’attesa è stata infinita e da presto abbiamo fatto tardi. Visto anche che, questo, doveva essere (almeno per Food Advisor), il cuoppo migliore di Napoli. Beh, io vi dico, non ne vale la pena. A Napoli è pieno di posti dove potete trovarli, questo non era male sì, ma non è decisamente il migliore: troppo unto e la frittatina di pasta, che avevo amato da Fiorenzano, non sapeva proprio di nulla, se non di mozzarella un po’ acida. Per me è no. http://www.ilcuoppo.it Voto: 6 1/2 Quanto ho speso? 5€

Qui si conclude il nostro tour culinario, e menomale, non so se saremmo sopravvissute oltre e, visto che Napoli ci manca già, speriamo di tornare presto!

Fatemi sapere se siete andati anche voi in questi posti e cose ne pensate, oppure se ci sono altri posti che ci avreste consigliato!

Senza sprechi: trasformate le vostre banane troppo mature in Banana Bread!

Ultimamente sto imparando, piano piano, a ridurre gli sprechi in cucina. Questa è una cosa a cui non ho mai posto troppa attenzione, o, per meglio dire, che ho sempre ignorato. Spesso è più semplice scartare ciò, che con un po’ di inventiva e un aiuto dal web, può essere trasformato non solo in qualcosa di mangiabile, ma in qualcosa di realmente buono.

Nell’ultimo periodo sto scoprendo quanto possono essere buone e saporite le foglie verdi dei porri (e in quanti modi possano essere cucinate), quante cose si possono fare con il pane raffermo, come ad esempio un semplicissimo dolce e quante ricette nuove si possono scoprire imboccando questa strada del recupero.

Proprio per questo quando ho scoperto che per il Banana Bread servivano banane annerite che più annerite si può, e visto che queste, in casa mia raramente mancano, ho deciso di provare a riprodurre il dolcissimo e delizioso Banana Bread che ci ha fatte sognare a me e a Benedetta durante il nostro ultimo viaggio ad Amsterdam.

Ovviamente qualcosa è andato storto, quando stavo per infornare il magico dolce mi sono resa conto che sul fornello c’era ancora il pentolino con il burro che avevo fatto scogliere poco prima…che dire, il dolce è diventato d’un tratto light! Purtroppo niente dieta in vista, dato che, nella mia nuova attitude ‘no sprechi’, ho deciso di usare il burro fuso per condire i successivi pasti (Comunque il dolce è venuto buonissimo anche versione light, per chi volesse tentarla…).

Ringrazio la fantastica Laurel Evans, a cui appartiene la ricetta originale, che ho modificato un po’.

N.B Potete congelare le banane quando si stanno annerendo e scongelarle quando decidete di fare il dolce.

Banana Bread visto dall'alto

Ricetta: Banana Bread

Ingredienti

  • 250g di farina integrale
  • 100g di zucchero bianco
  • 40g di zucchero di canna grezzo + q.b da spargere in superficie
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 1/4 cucchiaino di noce moscata
  • un pizzico di sale
  • 3 banane molto mature (un po’ annerite)
  • 80g di yogurt
  • 2 uova
  • 90g di burro fuso, tiepido (oppure senza burro per versione light!)
  • 100g di noci tostate e tritate grossolanamente

Procedimento

Scaldate il forno a 200°C. Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake.

In una ciotola unite farina, zuccheri, spezie e sale. In un’altra ciotola schiacciate le banane con una forchetta e sbattetele con yogurt, uova e burro fuso. Incorporate il secondo composto al primo e mescolate finché saranno appena amalgamati.

Mettere il composto nello stampo e spargere sopra le noci e lo zucchero di canna grezzo.

Infornare per 50 minuti nel forno caldo o finché avrà preso colore e infilando uno stecchino non uscirà pulito.

Se vedete che le noci in cima cominciano a bruciarsi prima della fine della cottura, mettete sopra la teglia un po’ di stagnola e abbassate il dolce al piano più basso.

Buona merenda!

Fetta di Banana Bread in primo piano, accompagnato da caffè e latte. Sullo sfondo, suonato, il Banana Bread sul tagliere.

Happy bday to me with torta semolino e cioccolato!

Gli auguri di compleanno sono sempre stati importanti, soprattutto per la mia generazione nativa digitale per cui con l’utilizzo di Facebook lo scambio degli auguri diventava un momento topico dell’anno, quello in cui la “bacheca” si riempiva di auguri dalle persone più disparate: gli amici stretti che ti facevano i ‘poemi’, quelli un po’ meno stretti che non si arrischiavano a scriverti per messaggio, gli ammiratori che azzardavano il cuoricino e gli sconosciuti che con uno stitico “auguri” facevano una spunta al compleanno virtuale della giornata. Piano piano, venendo meno l’utilizzo di Facebook è diminuita la follia degli auguri di compleanno ‘social’, che un tempo erano centinaia e ora (almeno per quanto mi riguarda) sono circoscritti giusto a qualche superstite. Quello che credo io però, è che quel periodo di follia ci abbia inculcato inconsciamente un’idea egocentrica di Compleanno, trasformandolo in quella giornata in cui le attenzioni di tutti devono essere incentrate su di noi. A questo si aggiunge poi il fatto che, nonostante ormai gli auguri su Facebook siano un po’ out, questo rimanga comunque il social che ci ricorda il compleanno dei nostri amici (e dei nostri parenti?) e a cui ci affidiamo perché ci dia questo promemoria, ma essendo allo stesso tempo posta sempre meno attenzione su quella sezione del social, si rischia sempre di più, immancabilmente, di scordarci dei compleanni delle persone a cui vogliamo bene (per non parlare di quelle a cui vogliamo un po’ meno bene).

Questa riflessione è in parte per scusare chi a volte si è scordato di farmi gli auguri (non che io sia ogni anno penna alla mano a segnarmeli eh!), ma in parte per scusare anche me, che sono la prima a dimenticare qualunque compleanno, anche quando comincio a ricordarmelo una settimana prima…

Detto questo penso che gli auguri siano una cosa spesso spontanea, e a volte non serve nemmeno pronunciarli per farli avere a una persona. Gli auguri sono dedicare il proprio tempo, anche giusto qualche minuto, per rendere speciale la giornata di una persona a cui vogliamo bene.

Per fare gli auguri a me stessa (ecco che torna l’idea di compleanno egocentrico ahah), ho deciso quest’anno di mantenermi su un grande classico di quando ero più piccola. La torta tipica da compleanno delle elementari, quella che si comprava in pasticceria e si portava in pizzeria per spengere le candeline a fine cena: la crostata semolino e cioccolato.

Cercando su internet ho scoperto che questa torta è toscana e poco ‘chiacchierata’ sul mondo del web, dove non ho trovato molte ricette.
Per fortuna ho ancora una volta potuto attingere all’affidabile blog di Giulia (Jul’s Kitchen), che aveva pubblicato, un bel po’ di tempo fa, la ricetta di questa torta.

Ricetta: Torta semolino e cioccolato

Ingredienti x tortiera di diametro 24-26 cm

Per la frolla

  • 225g di farina 00
  • 25g di fecola di patate
  • 125g di burro
  • 75g di zucchero a velo non vanigliato
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • Scorza grattata di 1/2 limone

Per la crema di semolino

  • 500 ml di latte intero
  • 125g di semola
  • 6 cucchiai di zucchero
  • 2 uova
  • 5 cucchiai di vin santo
  • 1 noce di burro

Per la ganache al cioccolato

  • 250g di cioccolato fondente
  • 250 ml di panna liquida

Procedimento

Mettere tutti gli ingredienti secchi della frolla in una ciotola, aggiungere il burro a cubetti (tenuto in frigo fino all’utilizzo) e sabbiare, cioè pizzicare il burro finché non si unisce agli ingredienti secchi assumendo una consistenza tipo quella della sabbia. Aggiungere quindi l’uovo e la scorza di limone e, infarinandosi le mani, cominciare a impastare finché non si forma una pasta liscia e dal colore omogeneo. Avvolgere quindi con della pellicola da alimenti e riporre in frigo per almeno 1 ora.

Per la crema al semolino, mettere a scaldare il latte e versare il semolino prima che arrivi a bollore mescolando nel frattempo con una frusta per evitare che si formino grumi. Quando raggiunge il bollore, spengere e lasciar raffreddare, aspettare che intiepidisca (il top sarebbe avere un termometro e vedere quando raggiunge i 65°C, temperatura di coagulazione dell’uovo), io ho aggiunto in questa fase una noce di burro per evitare che il semolino si indurisse troppo. Quando il composto sarà tiepido, aggiungere le uova, lo zucchero e il vin santo e mescolare con la frusta.

Togliere quindi la frolla dal frigo, stenderla in modo da coprire il fondo e i bordi una teglia bassa da 24-26 cm di diametro e versare dentro la crema al semolino.

Cuocere la torta a 180°C per 30 min, o finché la crema al semolino comincerà a dorarsi.

Per la ganache, tagliare il cioccolato a pezzetti e metterlo in una ciotola, mettere poi a bollire la panna e versarla sopra la cioccolata. Mescolare finché la cioccolata non si sarà sciolta completamente. Versare la ganache sulla torta in modo che ricopra tutta la superficie e lasciare raffreddare, prima fuori dal frigo e poi in frigo per qualche ora (finché la ganache non si sarà rassodata). Togliere dal frigo 15 min prima di mangiarla!

Noodles thai con pollo verdure

La mia sfida più grande è sempre stato il cibo etnico, non è come con la ricetta della nonna, che in qualche modo provi e riprovi e piano piano riesci a raggiungere il sapore giusto (ma mai identico!). Quando qualcosa è lontano dalla nostra cultura, spesso ci vogliono ricerche su ricerche (anche sul campo magari), per riuscire a riprodurre un determinato piatto e soprattutto gli ingredienti giusti, non sempre reperibili da noi.

Per questo quando l’altro giorno da NaturaSì ho trovato un tubetto di “Pasta curry thai”, ho deciso di comprarla e provare a fare qualcosa che fosse lontanamente plausibile.

Ciò che mi ha attratta è il fatto che fosse una pasta, perché spesso nelle ricette thailandesi, sono presenti vari tipi di paste al curry (verde, gialla, rossa ecc) e finora non ero però mai riuscita a trovarle. Una pasta implica non solo il curry quindi, ma anche un sacco di altri ingredienti al suo interno, che in questo caso sono: zenzero, succo di ananas, zucchero di canna grezzo, sale, olio, aceto, cipolla in polvere, curcuma, galanga, succo di limone, citronella, chili, coriandolo, farina di senape, cumino, fieno greco, olio essenziale di mandarino.

Non so quanto sia effettivamente corretto definire tutta questa lista di ingredienti “thai”, però io mi sono fidata e il risultato non mi ha delusa, voi comunque se non trovate questa pasta o simile (anche online), potete semplicemente sostituire con 4 cucchiaini di curry.

N.B Le dosi sono un po’ approssimative perché la ricetta l’ho inventata io prendendo spunto da vari siti e video, comunque se farete un po’ a occhio sicuramente non succederà niente di male

Ricetta: Noodles thai con pollo e verdure

Ingredienti x 4 persone

  • olio extravergine d’oliva o di semi di sesamo q.b.
  • sale q.b.
  • 1 cipolla
  • petto di pollo tagliato a piccoli tocchetti
  • 6 carote medie
  • due pugni di germogli di soia
  • 1 piccolo cespo di broccolo
  • 200 ml di latte di cocco
  • 4 cucchiaini di pasta thai curry giallo (o 4 cucchiaini di curry in polvere)
  • lime q.b. (se piace)
  • Noodles Udon, o altro tipo di noodles spessi

Procedimento

Mettere a bollire l’acqua e quando bolle, salare e mettere a bollire le cimette del broccolo per una decina di minuti.

Nel frattempo tritare la cipolla e far scaldare l’olio in una padella antiaderente, quando caldo, mettere la cipolla a soffriggere a fuoco basso.

Quando la cipolla sarà dorata (attenti a non bruciarla!), mettere nella padella i tocchetti di pollo e mescolare con la cipolla. Salare e lasciare cuocere il pollo finché non brunisce leggermente. Intanto pulite e tagliate a rondelle (o a listarelle) le carote. Quando il pollo sarà cotto, mettete anche le carote nella padella e mescolate il tutto. Lasciate quindi cuocere anche le carote, sta a voi decidere se lasciarle un po’ croccanti o farle diventare più morbide. Se vedete che si sta attaccando aggiungete un poco d’acqua.

Mettete ora un’altra pentola con acqua a bollire per i noodles e rispettate i tempi di cottura della confezione (nel mio caso erano 14 min).

Quando le carote saranno cotte, aggiungete i germogli di soia e fate saltare per 1 minuto. A questo punto, unite in una ciotola il latte di cocco con la pasta di curry o il curry in polvere e mescolate finché non si saranno amalgamati. Unisci poi il composto agli ingredienti nella padella.

Fai bollire il tutto, finché non si sarà leggermente addensato (se risulta troppo secco aggiungere un goccio d’acqua), unisci ora le cimette dei broccoli e mescola. Lascia cuocere per qualche secondo. Aggiungi ora i noodles precedentemente cotti e scolati. Mescola il tutto e lascia cuocere per qualche altro secondo.

Ecco a voi, i noodles sono pronti, non vi resta che decidere se mangiarli con le bacchette, o con la (per noi più comoda) forchetta!